Menu

La Chiesa dello Spirito Santo

La Chiesa dello Spirito Santo

La chiesa dello Spirito Santo risale al sec. XVI. In origine, era parte del monastero delle Domenicane, fondato nel 1513, che, al tempo dell'Arcivescovo Evangelista Pallotta, in data 28 agosto 1588, fu dichiarato di clausura. Incendiatosi tale monastero per cause ignote il 24 febbraio 1729, le suore passarono nel vicino Monastero di S. Maria di Costantinopoli, (dove è oggi il palazzo della Provincia e della Prefettura) e la chiesa dello Spirito Santo fu assegnata ai Padri Filippini. I locali dell'antico monastero nel 1806 furono acquistati dalla famiglia 

Martirano, che tutt'ora li possiede. La chiesa,in passato, fu anche affidata ai Gesuiti, arrivati a Cosenza il 1589.  Attualmente fa parte della parrocchia della cattedrale. Il portale della chiesa è in pietra lavorata ed è opera di uno scalpellino roglianese, come risulta dall''iscrizione incisa sull'architrave: "Antonius Belmustus fecit hoc porta Anno Domini MDLXXXV". La navata sinistra della chiesa, fu demolita dopo l'unità d'Italia (1860) per allargare la via principale del quartiere dello Spirito Santo. L'altare maggiore è dedicato al SS. Crocifisso. Sulle pareti laterali dell'altare sono posti due quadri ad olio su tela, raffiguranti uno S. Francesco di Paola e l'altro S. Giuseppe. Sugli stessi dipinti è visibile lo stemma gentilizio della famiglia Monaco.

A sinistra, entrando in chiesa, è l'altare in marmo di San Giuda Taddeo, con tela di questo Santo, opera di Giovan Battista Santoro realizzata nel 1882, a devozione di Baldassarre Orientale, a spese del quale fu anche costruito l'altare. Sempre sulla parete di sinistra,più vicino alla zona presbiterale, vi è un'altro grande dipinto su tela, raffigurante la morte di S. Filippo Neri. A destra, entrando, vi sono l'altare di S. Ignazio di Lojola, con piccolo quadro su cui è dipinto S. Ignazio nell'atto di consegnare la regola dell'ordine a S. Francesco Saverio e l'altare dedicato al Sacro Cuore. 

(Vedi: CESARE MINICUCCI, Cosenza Sacra, Ed. Domenico Chiappetta, Cosenza 1836).

 

 

 

 

back to top

 

Piazza Duomo, 1 - 87100 Cosenza (CS) Italia
Telefono: (+39) 0984 77864‎ - E-Mail: cattedraledicosenza@libero.it - Sito Web: www.cattedraledicosenza.it
Copyright © 2018 - Tutti i diritti riservati

 

Il presente sito fa uso di cookie che consentono di fornire una migliore esperienza di navigazione